Certificazione dell'impianto a rifiuti zero

Certificare i risultati della diversione dei rifiuti delle vostre strutture per contribuire a rafforzare il vostro messaggio aziendale, il profilo di investimento e le valutazioni ESG

Inna Kitaychik |  

Le aziende che cercano di ridurre il loro impatto ambientale e l'impronta di carbonio si rivolgono a iniziative di sostenibilità come Zero Waste per migliorare significativamente la loro gestione ambientale, il profilo di responsabilità aziendale e le classifiche ESG. Per aiutarvi a comunicare come riducete, riciclate e riutilizzate i vostri rifiuti, lo standard SCS Zero Waste fornisce una base per la certificazione della diversione e della riduzione dei rifiuti nelle vostre strutture individuali.

La certificazione può essere usata per comunicare il viaggio della vostra azienda verso l'eliminazione della produzione di rifiuti legati alla discarica nelle vostre strutture. La valutazione annuale dei rifiuti zero cattura la quantità di rifiuti sottratti alla discarica come percentuale del totale dei rifiuti generati. Secondo lo standard SCS Zero Waste, tutte le strutture partecipanti saranno valutate e un campione sarà controllato in loco. Le strutture che dimostrano almeno il 50% di diversione dei rifiuti possono essere riconosciute sotto questo standard SCS. Tutte le richieste si basano su un periodo di dodici mesi.

Logo Zero Waste

Perché scegliere SCS?

SCS certifica la diversione raggiunta in ogni impianto partecipante a partire dal 50% di diversione. Lo standard SCS Zero Waste adotta un approccio "facility-by-facility" e conduce controlli in loco per un campione di strutture nell'ambito, il che riduce il costo della certificazione mantenendo l'integrità della certificazione a livello di struttura attraverso la revisione dei documenti. Lo standard permette anche una diversione di rifiuti pericolosi da contare verso la diversione complessiva, così come permette l'uso di rifiuti-energia come metodo di diversione per più del 25% della diversione totale, su una base caso per caso.

Pronto per ottenere la certificazione?

Applica qui

  • FAQs
  • Vantaggi
  • Processo
  • Documenti del programma

D: Qual è lo scopo di Zero Waste?

R: Zero Waste è una filosofia aziendale/imprenditoriale/di stile di vita che cerca di ridurre la quantità di rifiuti generati dalle aziende, dai governi e dagli individui attraverso il riutilizzo dei materiali esistenti, la corretta gestione dei materiali designati come rifiuti, e impedendo ai materiali di entrare nel flusso dei rifiuti in primo luogo.

D: In che modo la certificazione Zero Waste beneficia la mia azienda?

R: La certificazione SCS Zero Waste fornisce una garanzia di terza parte della diversione dei rifiuti raggiunta in una struttura in un periodo di 12 mesi. Questo tasso di diversione certificato può essere usato per comunicare il percorso di un'azienda verso l'eliminazione della produzione di rifiuti legati alla discarica nelle sue strutture. La valutazione annuale cattura la quantità di rifiuti sottratti alla discarica come percentuale del totale dei rifiuti generati.

D: In che modo il programma di certificazione SCS Zero Waste è diverso da altri, come la certificazione GBCI TRUE o la certificazione NSF Landfill Free?

R: Ci sono diversi fattori chiave che distinguono il programma di certificazione SCS Zero Waste da altri programmi di certificazione e verifica dei rifiuti:

  • Risparmio sui costi: Eseguiamo audit in loco a campione, il che riduce il costo della certificazione per i clienti con più strutture.
  • Verifica delle percentuali di diversione: Mentre manteniamo la definizione di Rifiuti Zero come 99% di diversione, le strutture devono solo mostrare il 50% di diversione per partecipare alla certificazione SCS. Altri standard non permettono la "partecipazione" senza raggiungere almeno il 90% di diversione.
  • Rifiuti pericolosi: Il nostro standard accetta la diversione di rifiuti pericolosi per contare nella diversione, su una base caso per caso (analisi seguente)
  • Rifiuti all'energia: Il nostro standard permette l'uso della termovalorizzazione come metodo di diversione fino al 25% della diversione totale senza ulteriori revisioni. Consente di superare il 25% della diversione totale su una base caso per caso dopo la revisione.
  • Indennità di tasso residuo: Il nostro standard permette di applicare i tassi residui di default dell'industria/regione nel calcolo dei tassi di diversione se non sono disponibili i dati dei trasportatori/servizio di raccolta dei rifiuti di terze parti. Altri standard richiedono affidavit.

D: Quali tipi di strutture possono essere certificate?

R: Qualsiasi struttura si qualifica per la certificazione, purché le attività di gestione dei rifiuti siano tutte sotto il controllo dell'azienda che richiede la certificazione. Tuttavia, le strutture che condividono la gestione dei rifiuti con altre aziende devono tracciare i loro rifiuti prima del comingling per essere in grado di partecipare allo standard.

D: Le mie strutture devono essere prive di rifiuti al 99% per essere certificate Zero Waste da SCS?

R: No. Infatti, le aziende devono dimostrare che le strutture partecipanti hanno raggiunto un minimo del 50% di diversione dei rifiuti in un periodo di 12 mesi per essere considerate per la certificazione. La diversione effettiva per struttura sarà indicata sul certificato ogni anno. Questo permette alle aziende di raccontare la storia del loro viaggio a rifiuti zero, anno dopo anno.

D: Tutte le mie strutture devono avere un audit di persona ogni anno per essere certificate Zero Waste?

R: No. Lo standard SCS Zero Waste permette una certificazione multi-sito in cui i singoli siti sono visitati a campione ogni anno mentre i dati e i documenti di gestione sono rivisti per tutti i siti che sono inclusi nell'ambito della certificazione.

D: Cosa include un certificato Rifiuti Zero?

R: Il certificato SCS Zero Waste include una panoramica trasparente dei risultati dell'azienda in materia di rifiuti zero, comprese le seguenti informazioni richieste:

  • La percentuale di diversione dei rifiuti che l'azienda ha raggiunto per quell'anno. La percentuale è calcolata utilizzando la seguente formula: (rifiuti deviati - residui) + rifiuti evitati) / (rifiuti totali + rifiuti evitati)
  • Ogni metodo di diversione usato (per esempio, riciclaggio, compostaggio, termovalorizzazione) e la percentuale di diversione con ogni metodo
  • Il progresso che l'azienda ha fatto nella diversione dei rifiuti espresso in punti; per esempio, se un'azienda ha raggiunto il 55% di diversione l'anno scorso e il 60% di diversione nell'anno controllato, il certificato mostrerà '+5'.
  • Se l'operatore attualmente immagazzina rifiuti (non la percentuale o il peso totale del materiale immagazzinato)
  • Periodo di certificazione (periodo di 12 mesi da verificare)

D: Abbiamo più strutture. È possibile certificarne solo alcune alla volta o dobbiamo certificare tutte le strutture per qualificarci per la certificazione SCS Zero Waste?

R: Possiamo certificare qualsiasi numero di strutture; solo le strutture che si sottopongono alla valutazione saranno considerate nell'ambito della certificazione SCS Zero Waste. Ogni struttura è certificata in base al tasso di diversione raggiunto in quella struttura.

D: Cosa sono gli importi di deviazione e come vengono calcolati?

R: La percentuale di diversione di un'azienda è la quantità di materiali (definiti come rifiuti) smaltiti in modo vantaggioso per l'ambiente utilizzando i seguenti metodi: riciclaggio, compostaggio, riutilizzo, recupero, prevenzione, termovalorizzazione (invece di mandarli in discarica). La percentuale di diversione è calcolata utilizzando la seguente formula: (rifiuti deviati - residui + rifiuti evitati) / (rifiuti totali + rifiuti evitati).

D: Che cos'è "lo spreco evitato dalla riprogettazione"?

R: Rifiuti che non vengono più generati a causa di un nuovo processo di produzione o di approvvigionamento. Per esempio, un'azienda passa da stampi monouso a stampi riutilizzabili, o da imballaggi in cartone dei fornitori a contenitori riutilizzabili. SCS riconosce le riduzioni derivanti dalla riprogettazione verso la percentuale di diversione totale di un'azienda per un periodo di 12 mesi.

D: Non capisco tutti i tipi di rifiuti e le misure che fanno parte dello standard Rifiuti Zero e di un audit rifiuti zero. Avete una lista di definizioni di Rifiuti Zero?

R: Sì, qui sotto c'è una lista dei tipi più comuni di rifiuti e delle misure che vengono valutate come parte di un audit e di una certificazione Zero Waste:

  • Cenere: Include la "cenere volante" che è la cenere aerea raccolta dopo l'incenerimento e la "cenere di fondo dell'inceneritore" che è la cenere pesante trovata sul fondo di un inceneritore dopo la combustione.
  • Percentuali residue medie: Medie industriali di residui calcolate in studi formali. Per esempio, nello stato della California, la California Environmental Protection Agency (CEPA) ha condotto uno studio che ha mostrato che le percentuali di residui per l'anno 2005 sono: Single-Stream Materials Recovery Facility (MRF): 14%, Multi-Stream: 6%, Mixed Waste: 81%, Construction and Demolition (C&D) 23%. Queste percentuali possono essere applicate ai materiali in uscita di un Operatore se un affidavit con una percentuale specifica non può essere fornito dall'impianto di riciclaggio.
  • Materiale compostato: Materiali organici in natura che vengono inviati a un impianto di compostaggio dove vengono lasciati decomporre per formare una sostanza relativamente omogenea e stabile simile all'humus [ISO 14021].
  • Detriti da costruzione e demolizione: Materiali risultanti dalla costruzione e dalla demolizione (C&D) di edifici e altre strutture, compresi materiali come metalli, legno, gesso, tegole di asfalto, coperture, cemento, rocce, macerie, terra, carta, plastica e vetro, ma esclusi i rifiuti putrescibili (SWANA Technical Policies, Allegato B).
  • Rifiuti dirottati: Rifiuti trattati internamente e/o rifiuti non destinati alla discarica inviati al trattamento esterno.
  • Rifiuti elettronici: Apparecchiature elettroniche di consumo e commerciali che sono vicine o alla fine della loro vita utile (come computer, televisori e telefoni cellulari)
  • Rifiuti pericolosi: Un rifiuto elencato dall'EPA; o un rifiuto che è caratterizzato dall'essere infiammabile, reattivo, corrosivo, o una procedura di estrazione tossica (USDA Agricultural Resource Service).
  • Rifiutievitati dalla riprogettazione: Rifiuti che si sarebbero verificati con un processo precedente, ma che sono stati eliminati grazie alla riprogettazione del prodotto o dell'imballaggio. I rifiuti evitati dalla riprogettazione possono essere calcolati dividendo il peso totale dei rifiuti evitati (ora) dell'anno precedente per il numero totale di unità di prodotto create nell'anno precedente. Poi moltiplicando questo risultato per il numero di unità generate nell'anno corrente. Il processo sarà rivisto caso per caso per garantire che le dichiarazioni di rifiuti evitati dalla riprogettazione siano accurate.
  • Materiale rigenerato: Materiale che altrimenti sarebbe stato smaltito come rifiuto o utilizzato per il recupero di energia, ma che invece è stato raccolto e recuperato [rigenerato] come materiale "NUOVO" in ingresso, al posto di nuovo materiale primario, per un processo di riciclaggio o di produzione [ISO 14021].
  • Materiale riciclato: Materiale inviato a un impianto di riciclaggio per essere sminuzzato, pellettizzato o modificato chimicamente per essere trasformato in oggetti o sostanze per uso commerciale. I materiali comuni includono vetro, metallo, cartone e plastica, ma possono applicarsi anche ad altri materiali.
  • Materiale riutilizzato: Materiale che altrimenti sarebbe stato smaltito come rifiuto o utilizzato per il recupero di energia, ma che invece è stato raccolto alla fine del processo per essere utilizzato nuovamente per il suo scopo iniziale.
  • Residui: Materiale di scarto che rimane dopo la lavorazione. Le percentuali dei residui sono specifiche per il tipo di impianto di riciclaggio e per lo stato o la città (a seconda dei dati disponibili). L'operatore è responsabile di ottenere queste percentuali in un affidavit dalle strutture utilizzate per il trattamento. Le percentuali medie residue possono essere utilizzate se non è possibile fornire gli affidavit dagli impianti. Vedi Percentuali medie residue sopra.
  • Materiale di scarto venduto: Materiale definito come rifiuto entro i limiti del progetto, che viene venduto come input nel processo di un altro produttore per la produzione di un bene. Anche il materiale donato viene conteggiato in questa categoria.
  • Waste-to-Energy (WTE): Energia recuperata da materiale che sarebbe stato smaltito come rifiuto ma che invece è stato raccolto attraverso processi gestiti [ISO 14021]. Questo metodo include l'incenerimento, la pirolisi e la digestione anaerobica dove lo scopo principale e l'output del processo è quello di creare energia.

D: Quali altre certificazioni ambientali offre SCS?

R: La certificazione Zero Waste è solo una delle tante certificazioni che un'azienda può ottenere come parte del suo continuo viaggio verso la sostenibilità. SCS offre più di 100 programmi di certificazione e convalida per un'ampia varietà di prodotti e processi per aiutare le aziende nella loro crescita verso una maggiore sostenibilità e rispetto dell'ambiente. Tali misure, in ultima analisi, aiutano le aziende a ottenere migliori valutazioni ESG dalle molte società di rating aziendale, che a loro volta posizionano bene l'azienda dal punto di vista degli investimenti ESG e degli investitori istituzionali. Per un elenco completo di tutte le certificazioni e convalide SCS, visitare: http://www.scsglobalservices.com/services

 

Richiesta di informazioni

Avete bisogno di ulteriori informazioni? Compila il modulo e uno dei nostri rappresentanti ti risponderà a breve.

Risorse correlate

Clicca per saperne di più o scaricare le risorse relative a questo servizio

Comunicato stampa
SCS Global Services (SCS), leader mondiale nella certificazione ambientale e di sostenibilità, nell'auditing e nella...
Comunicato stampa
Dall'introduzione dei materiali LNP™ ELCRIN™ iQ alla fine del 2019, SABIC ha contribuito a deviare più di 100 milioni di...
Comunicato stampa
SCS Global Services (SCS), leader mondiale nei servizi di certificazione ambientale e di sostenibilità, oggi...
Blog
È difficile da credere, ma il termine "rifiuti zero" esiste da più di 40 anni. È stato usato per la prima volta da un chimico...